Category Archives: Previsioni

SETTIMANA STABILE E TEMPERATURE IN AUMENTO!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati  a tutti gli amici e lettori.

Perturbazione fredda, quella appena passata, che ci ha lasciato 3/4 giornate veramente rigide e pienamente invernali. Giornate che hanno visto nevicate seppur di debole intensità su quasi tutto il territorio Umbro salvo l’ area Ternana che ha visto soprattutto pioggia. Come immaginavo, non abbiamo avuto grandi quantitativi nevosi e il tutto si è risolto con più ghiaccio che neve come anticipato nelle previsioni. Solamente alcune località appenniniche hanno visto quantitativi a doppia cifra con temperature davvero rigide per il periodo. Ora tale perturbazione sta scivolando definitivamente a sud est del nostro stivale, lasciando spazio ad una rimonta anticiclonica che porterà un innalzamento delle temperature e soprattutto tempo stabile per più giorni. Avremo ancora oggi e domani, condizioni invernali con temperature abbastanza fredde soprattutto nelle ore notturne delle giornate e di primo mattino, dove saranno ancora probabili estese gelate soprattutto in pianura e nelle vallate della regione. Da metà settimana come anticipato, temperature in rapida risalita e tempo stabile.

Entriamo ora nel dettaglio per quanto riguarda i nostri territori:

BREVE TERMINE

Giornate ancora fredde quella odierna e quella di domani Martedì 16 febbraio. Oggi avremo prevalenza di sole per tutta la giornata con temperature che resteranno sempre intorno allo zero termico o poco al di sopra. Giornata di Martedì con cieli abbastanza nuvolosi e qualche possibile fioccata residua nel pomeriggio/sera soprattutto in appennino e nel nord regionale a quote alto collinari.   Giornata di Mercoledì ancora fresca e abbastanza nuvolosa ma con temperature sia minime che massime in rialzo, nessun rischio di precipitazioni.

MEDIO TERMINE

Seconda parte della settimana che vedrà l’ espandersi dell’ alta pressione su tutto il territorio regionale e nazionale. Temperature che risaliranno rapidamente sia nei valori minimi che in quelli massimi, che si riporteranno in media del periodo o qualche grado al di sopra. Massime che raggiungeranno nuovamente i 15/18 gradi. Fine settimana che si preannuncia tiepido e soleggiato con giornate stabili e poche nuvole, concentrate essenzialmente nelle ore centrali delle giornate.

LUNGO TERMINE 

Alta  pressione che dovrebbe raggiungere i suoi massimi nel corso di tutta la prossima settimana. Mi aspetto quindi tempo stabile, e temperature sopra la media del periodo anche nella settimana che va dal 21 al 27 Febbraio. Possibile nuova “rottura” del tempo a partire da fine mese con nuova recrudescenza del freddo.  Naturalmente questa ultima affermazione andrà verificata con i prossimi aggiornamenti ma è molto probabile, visto le disposizioni bariche nel nord e centro Europeo, che arrivi un altro periodo freddo anche per la nostra penisola. Target del nuovo periodo che potrebbe essere più freddo e perturbato 26/ 3 Marzo (date da dove potrebbe partire una nuova perturbazione fredda verso l’ Italia).

Un saluto a tutti.

Ric Meteo Gubbio

 


PRIMA RETROGRESSIONE FREDDA DELLA STAGIONE INVERNALE!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori.

Inizio dicendo che c’ erano le basi per avere un vero “evento” meteorologico, cioè una di quelle perturbazioni fredde che potevano essere ricordate nei prossimi anni, ma purtroppo o per fortuna a seconda dei casi, non sarà così.  Non sarà per noi un evento da ricordare, ma per alcune nazioni del nord est Europeo si. Il cuore freddo della perturbazione che porterà con se aria gelida artico/continentale, si fermerà infatti alle porte della nostra penisola, coinvolgendola solamente in parte con il suo spiffero gelido, mentre colpirà in pieno alcune regioni e nazioni dell’ est europeo che già in queste ore ne percepiranno le prime ripercussioni. Un’ azione retrograda con moti anti zonali che si spingerà a latitudini inusuali, praticamente un ramo del vortice polare che si approfondirà fino al bacino del mediterraneo. In tutto questo come anticipato, l’ Italia rimarrà un po’ ai margini anche se avrà la sua dose di vero freddo invernale per alcuni giorni.  La perturbazione raggiungerà la nostra penisola già dalla giornata di Giovedì a partire dal nord est della stessa. I nostri territori ed in generale il centro Italia avranno le prime avvisaglie dalla giornata di Venerdì quando le temperature inizieranno a calare repentinamente. Il tutto dovrebbe durare per 4/5 giorni fino almeno ai primi giorni della prossima settimana. Target temporale per ora più plausibile 12/16 Febbraio.

Vi posto la carta che fa vedere bene la discesa fredda che si realizzerà:

Andiamo ora ad analizzare cosa potrà accadere sui nostri territori, che vedranno sostanzialmente freddo crudo ma poche precipitazioni.

Come detto l’ aria fredda arriverà in Umbria la giornata di Venerdì e proprio a cavallo fra questa giornata e quella di Sabato potremmo avere le maggiori precipitazioni. Al momento non sembrano tanta roba ma sicuramente contrariamente a quanto accaduto nelle passate “sfiocchettate” avremo temperature in grado di far attecchire ogni fiocco che cadrà a terra.  Dovremmo avere nevischio a partire dalla serata di Venerdì con “finestra” temporale nevosa a fasi alterne dalla serata di Venerdì fino alla mattinata di Sabato 13 Febbraio. Giornata di sabato che vedrà temperature davvero rigide con minime fino a -4/-5 gradi e massime che non dovrebbero superare lo zero termico. Giornata di Domenica che sarà di ghiaccio con minime che sfioreranno i -7/-8 su gran parte del territorio regionale ma senza precipitazioni degne di nota se non in appennino.

Queste sono le carte che ci fanno vedere la  “finestra” nevosa che vi ho accennato:

Al momento non sono previsti grandi quantitativi di neve mi aspetto comunque di rivedere Gubbio imbiancata.

MEDIO TERMINE

Il freddo continuerà fino almeno alla giornata di Martedì 16 febbraio, poi avremo una lenta ma costante risalita delle temperature.

LUNGO TERMINE

La perturbazione fredda citata potrebbe essere un apri pista per nuove perturbazioni fredde in entrata entro la fine del mese di Febbraio.

Riassumendo il tutto, avremo 4/5 giorni pienamente invernali e con temperature molto freddo. Anche in questa occasione come spesso accaduto anche in passato più gelo che neve… almeno sulle carte!!

Se vi fossero cambiamenti di rilievo sarà mia cura fornire nuovi aggiornamenti o dettagli.

Un saluto a tutti.

Ric Meteo Gubbio


TEMPO PERTURBATO!! PRIMA PIOGGIA POI NEVE A QUOTE MEDIE!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori.

Dopo questi ultimi giorni abbastanza freddi, con temperature minime sotto lo zero termico e massime che in molti casi non hanno superato i 3/4 gradi,  assisteremo ora ad un rapido innalzamento delle temperature sia minime che massime.  Una perturbazione atlantica e venti sud occidentali di scirocco, saranno quelli che determineranno un tempo perturbato nei prossimi giorni sul nostro stivale.  Tempo che peggiorerà soprattutto al centro/sud della nostra penisola, con piogge diffuse e in alcuni casi anche abbastanza insistenti, soprattutto nel lato tirrenico del nostro stivale.  Nel fine settimana, il tutto sarà sostituito da aria artica abbastanza fredda ma no freddissima, che dovrebbe portare nuova neve sui nostri appennini a quote di medio alta collina. Al momento avremo quindi una situazione che vedrà prima piogge e neve al di sopra dei 1200/1400 metri su tutto il centro e sud Italia con quota neve sempre più alta man mano che si scenderà verso sud. Di seguito, tempo sempre perturbato con aria artica, che abbraccerà tutto il nord e centro Italia nel fine settimana abbassando la quota neve fino a quote intorno ai 600/800 metri. 

Entriamo ora nello specifico per quanto riguarda a nostra regione città:

BREVE TERMINE

Oggi sarà una giornata abbastanza tranquilla, senza precipitazioni degne di nota, ma sempre per lo più nuvolosa su tutto il territorio regionale. Qualche precipitazione in più solamente in appennino. La giornata di domani, si aprirà con cieli nuvolosi o molto nuvolosi, con temperature sia minime che massime in leggero aumento. Nel corso della giornata avremo le prime precipitazioni a partire dall’ ovest regionale in espansione a tutto il territorio regionale. Precipitazioni più continue a partire dalla tarda mattinata primo pomeriggio. La giornata di venerdì sarà quella che vedrà più precipitazioni. Nel corso della giornata potremo avere anche fenomeni temporaleschi più probabili nel corso del pomeriggio. Giornata umida e piovosa ma  “calda” con temperature soprattutto massime in leggero aumento.

MEDIO TERMINE

La giornata di Sabato si aprirà con cieli nuvolosi o molto nuvolosi con precipitazioni intermittenti. Nel corso della giornata affluirà aria fredda artica anche sul nostro territorio regionale. Nel corso della sera/notte quota neve in rapido calo che si attesterà intorno ai 1200/1000 metri. Discrete nevicate su tutti i territori appenninici della regione. Al momento la quota neve è indicativa visto che a seconda di variazioni potrebbe salire ma anche diminuire di qualche centinaia di metri. Giornata di Domenica ancora perturbata con l’aria “fredda” che avrà oramai raggiunto tutto il territorio regionale. Piogge intermittenti su tutto il territorio della regione quota neve ancora in calo che raggiungerà durante le ore serali/notturne quote di medio alta collina comprese fra i 600/800 metri con fiocchi che potrebbero spingersi anche più in basso. Nuova fase nevosa per tutto il nostro appennino che vedrà discrete nevicate con accumulo. Anche la prima parte di Lunedi 25 dovrebbe continuare sulla falsa riga del fine settimana anche se assisteremo ad un rapido miglioramento del tempo a partire dal primo pomeriggio.

LUNGO TERMINE

Al momento, dopo il periodo fresco e perturbato citato, avremo molto probabilmente una pausa anticiclonica, con temperature in media o di qualche grado al di sopra del periodo. Pausa che dovrebbe coincidere con i “famigerati” giorni della merla che potrebbero essere contrariamente a quello che dice la tradizione, più “caldi” del previsto. Chi mi segue, saprà che ho sempre pensato che avremmo avuto un periodo di freddo “crudo”, proprio entro l’ ultima decade di questo mese. A quanto pare stante le carte non sarà così, ma dando uno sguardo a più lungo termine, il tutto pare solo rimandato di una settimana dieci giorni. Occhio quindi alla prima parte di febbraio.

Stante le ultime carte a disposizione, il peggioramento del fine settimana a carattere fresco/freddo, non è ben inquadrato dai modelli, mi riservo quindi di fornirvi aggiornamenti soprattutto riguardo la quota neve che dovrebbe interessare i nostri territori fra la tarda serata di Domenica su Lunedì.

Un saluto a tutti Ric Meteo Gubbio.


BURIAN E GELO?? SOLO PER CHI CERCA CLICK SUL PROPRIO SITO!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori.

In questi giorni i maggiori siti meteo nazionali hanno riempito le proprie pagine annunciando il “famigerato” Burian con imminente arrivo del del gelo sulla nostra penisola.  Giorni di gelo assoluto, il ruggito dell’ inverno, Italia nella morsa del gelo, titoloni ad effetto acchiappa click che come sempre accade fanno abboccare come “trote” la maggior parte degli utenti. Giustamente, chi non è del “mestiere” si fida, ma sarebbe ora che queste informazioni distorte andassero prese con le molle. Scusate  questo preambolo, ma onestamente è stancante cercare di fare previsioni più coerenti possibili, quando ogni volta si leggono certe castronerie.  Chi ha la bontà di seguirmi costantemente, avrà letto a più riprese che mi aspettavo un periodo freddo per la nostra penisola a partire dalla terza decade del mese, e ancora oggi mi sento di confermare questa ipotesi. Queste tendenze a lungo termine sono difficili da inquadrare e si basano su una serie di movimenti a livello stratosferico del vortice polare e che molte volte hanno risvolti a livello troposferico dopo circa 20/30 giorni che si sono verificati. Verso fine anno, c’ è stato un poderoso riscaldamento in sede polare a livello stratosferico che potrebbe portare risvolti molto freddi sul comparto Europeo verso le date citate.  Il condizionale per quanto riguarda la nostra penisola è però sempre d’ obbligo, primo perché non è detto che il freddo arrivi anche in Italia, secondo perché parliamo pur sempre di “previsioni” a 20/30 giorni. Vediamo ora cosa accadrà nei prossimi giorni a livello Europeo per poi passere nel dettaglio previsionale dei nostri territori. Un discesa di aria fredda di stampo continentale,  proveniente da nord est, arriverà fino alle nostre latitudini, ma sfiorerà solamente la nostra penisola, scivolando ad est della stessa. La massa di aria fredda coinvolgerà in maniera prominente tutta l’area dell’ est Europa e la penisola balcanica fino ad arrivare in Grecia. Come già detto, la nostra penisola sarà solamente sfiorata e ne conseguirà un periodo freddo con gelate diffuse e temperature abbastanza rigide. Venti di tramontana e frequenti gelate ma zero precipitazioni, se non nell’ estremo sud est dello stivale. Aria continentale molto fredda e secca, ma non Burian che proviene direttamente dalle steppe Russe.

Vi allego le carte che riassumono quanto scritto, dove si nota attraverso le frecce e i colori, dove colpirà la “colata” di aria gelida:

Entriamo ora nel dettaglio previsionale per quanto riguarda i nostri territori:

BREVE TERMINE

Giornata odierna e prossimi 2 giorni con temperature in leggera risalita soprattutto nei valori massimi. Giornate che vedranno per lo più cieli sereni o poco nuvolosi. Temperature minime abbastanza fresche comprese fra i -1/1 gradi su tutto il territorio regionale, massime come detto in aumento che si porteranno su valori compresi fra i 6/8 gradi. Possibili gelate di primo mattino nelle vallate e pianure della regione.

MEDIO TERMINE

Dalla giornata di giovedì avremo un lento ma costante calo delle temperature. Assisteremo a giornate fredde sferzate da venti di tramontana che acuiranno la sensazione di freddo percepita. Temperature minime in leggero calo che si porteranno di primo mattino sotto lo zero termico su quasi tutto il territorio regionale. Temperature massime in forte calo che si porteranno su valori prossimi allo zero o di poco superiori. Qualche debole nevicata da STAU in area appenninica ma che salvo stravolgimenti, non dovrebbe andare oltre a qualche sfiocchettata coreografica.  Tale situazione dovrebbe protrarsi fino almeno alla giornata di Domenica 17 Gennaio.

LUNGO TERMINE

Confermata la possibilità di una discesa fredda sul comparto Europeo compresa la  nostra penisola entro l’ ultima decade di Gennaio.  

Un saluto a tutti Ric Meteo Gubbio.


UMBRIA SPARTI ACQUE FRA ARIA FREDDA E CALDA!! NEVE SERIA SOLO PIU’ A NORD!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori.

A 24h ore dall’ evento, cioè dal nuovo peggioramento, i modelli previsionali sono ancora in disaccordo e propongono carte previsionali discrepanti che mai come in questo caso potrebbero fare la differenza per i nostri territori. Proprio il nord della nostra regione, sarà lo sparti acque fra le due masse d’ aria, fredda e calda, che si avvicenderanno nei prossimi tre giorni sulla nostra penisola. Tale situazione rende ancora più difficile una previsione dettagliata di ciò che potrà accadere proprio per quanto riguarda il nord regionale  e quindi anche i nostri territori. Come sempre proverò a fare una previsione più reale possibile di quello che potrà accadere anche se consapevole già da ora dei possibili errori previsionali.

Vediamo come sempre, cosa dovrebbe accadere nel dettaglio sui nostri territori ed in generale su tutto il territorio regionale nei prossimi tre giorni, anticipando che sentiremo parlare i telegiornali delle abbondanti nevicate che si verificheranno su nord Toscana e su tutta l’ Emilia Romagna.

BREVE TERMINE 9 /11 GENNAIO

Iniziamo postando le due cartine con le nette differenze fra i due principali modelli previsionali e cioè Reading modello Europeo e GFS modello Americano:

Come si nota dalle due cartine, esiste una netta differenza nell’ aria fredda in entrata. Nella prima cartina (modello Europeo), l’ aria fredda si spingerebbe fino al nord della  nostra regione compreso il nostro territorio, con una -2/-3 a 850hpa sulla parte  del territorio citato. Nella seconda cartina (modello Americano), invece l’ aria fredda si spingerebbe solamente a ridosso della nostra regione, con valori a 850hpa compresi fra 0/-1. Questa differenza di aria fredda in entrata, sarà quella che determinerà la quota neve, che potrebbe oscillare fra i 500/600 metri o addirittura arrivare fra gli 800/900 metri di altitudine. Mai come in questi casi sarà quindi l’ incertezza fino alla fine a prendere il sopravvento. Partiamo ora dalle certezze: Prima certezza, è quella che avremo 2/3 giorni molto perturbati con precipitazioni diffuse su tutto il territorio regionale. Seconda certezza, è quella che i nostri appennini vedranno nevicate abbondanti a quote di media montagna con accumuli davvero ingenti. Terza certezza, è che più scenderemo verso sud e più la quota neve risulterà alta. Quarta certezza, l’ Emilia Romagna sarà la regione sugli scudi per quanto riguarda la neve anche a quote medio/basse. 

E’ giunto ora il momento di analizzare le prossime giornate nel dettaglio per come ho cercato di interpretare i vari modelli previsionali.

La giornata di domani sarà fredda e perturbata. Le temperature massime non supereranno sui nostri territori i 3/4 gradi.  Stessa cosa per la giornata di Domenica. Mi aspetto una quota neve compresa per il nord regionale fra i 500/700 metri. Molto probabilmente su Gubbio, avremo pioggia mista a neve per tutto il periodo, con momenti dove l’ acqua sarà sostituita da fiocchi bagnati e periodi dove sarà solamente pioggia. Una via di mezzo che anche in questa occasione non permetterà accumuli al suolo al di sotto dei 700/800 metri. Discorso diverso per le località appenniniche limitrofe, che vedranno nevicate anche se la temperatura sempre al limite non permetterà accumuli rilevanti. Differenze abissali nel resto del territorio regionale che vedrà la quota neve salire man mano che si scenderà verso sud. In valle umbra e sul Perugino quota neve compresa fra i 800/1000 metri mentre nella conca Ternana saliremo addirittura intorno ai 1200/1400 metri. Nevicate comunque abbondanti sui monti Sibillini e su località come Castelluccio di Norcia che potrebbero avere accumuli superiori ai 30/50cm. Fra la nottata di Domenica e la giornata di lunedì, il parziale richiamo di aria “calda” sarà attenuato dall’ aria fredda che si spingerà più a sud, ma nel contempo avremo un attenuazione o cessazione delle precipitazioni. Mi aspetto comunque residue nevicate a quote di media collina per i nostri territori, mentre per il resto dell’ Umbria continueranno le ultime precipitazioni a carattere di pioggia. 

Al momento, non dovrebbero esserci le condizioni per vedere i principali centri cittadini Umbri innevati. Come anticipato nevicate copiose solo in Emilia Romagna e in Appennino. Sud Italia che vedrà un poderoso richiamo caldo con alcune zone che vedranno piogge davvero ingenti e in alcuni casi anche pericolose. Sicilia che vedrà temperature tardo primaverili con massime che dovrebbero superare i 20°.

MEDIO TERMINE

Prossima settimana a partire da Martedì, che dovrebbe risultare più stabile e con qualche sprazzo soleggiato, ma in un contesto ancora fresco/freddo. No si vedono  al momento nuovi affondi freddi consistenti. 

LUNGO TERMINE

Da tenere d’ occhio l’ ultima decade del mese che potrebbe vedere uno o più affondi di aria fredda continentale anche sulla nostra penisola.

Ricapitolando, anche  questo episodio sarà un nulla di fatto per chi aspetta una bella nevicata con accumuli degni di nota, per la gioia di chi odia la neve, e la disperazione di chi vorrebbe vedere i nostri territori bianchi.

PS: Chi avrà avuto la bontà di leggere questo articolo, avrà notato che sul sito non sono più presenti sponsor. Chiunque voglia rinnovare o dare la propria collaborazione, potrà farlo mandandomi un messaggio privato sulla mia pagina facebook.

Un saluto a tutti 

Ric Meteo Gubbio


SEMPRE AL LIMITE!! PERTURBAZIONE FREDDA IN ARRIVO MA FINE SETTIMANA CON NETTO RIALZO TERMICO!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori.

La presenza di una circolazione ciclonica sull’Italia manterrà anche nei prossimi giorni condizioni di forte instabilità con ancora piogge sparse e nevicate a quote via via sempre più basse soprattutto nel centro e nord Italia. Avremo il passaggio di aria molto fredda in quota -31/-33 che determinerà instabilità diffusa e una quota neve in progressivo calo nei prossimi giorni. Aria fredda ma non freddissima invece a 850hpa con un -2/-3 nei giorni più freddi che saranno quelli di domani martedì 5 gennaio e mercoledì 6. Nel fine settimana è atteso invece un imponente rialzo termico con nuove piogge in arrivo. Entriamo ora nel dettaglio per quanto riguarda i nostri territori cercando come sempre di svelare la possibile evoluzione meteo delle prossime giornate.

BREVE TERMINE

La giornata odierna, si presenterà grigia ed umida, ma senza particolari sussulti. Locali piovaschi colpiranno il territorio regionale nel corso delle ore centrali della giornata. Gli stessi, risulteranno  di esigua entità e molto a macchia di leopardo, con  molte zone che rimarranno del tutto all’ asciutto. Nella nottata odierna, inizierà il passaggio dell’ aria fredda in quota che determinerà instabilità diffusa e un abbassamento delle temperature. Nel corso del primo mattino dovremmo avere le prime precipitazioni con zero termico che si attesterà intorno agli 800 metri. Le precipitazioni non dovrebbero essere cospicue e ciò non favorirà un abbassamento della quota neve. Dove saranno più consistenti potremmo avere neve o neve mista ad acqua ad una quota compresa fra i 500/600. Mi aspetto  per i nostri territori non grandi precipitazioni, anche se ci potrebbe essere la possibilità di fiocchi fino in città. Comunque andrà avremo aria più fredda e temperature massime che non supereranno i 3/4 gradi. La giornata di Mercoledì 6 febbraio sarà fredda e grigia ma con poche precipitazioni. In caso di precipitazioni le stesse risulteranno a carattere nevoso intorno ai 400/500 ma come anticipato le stesse saranno molto esigue. Avremo quindi 2/3 giorni invernali ma come accaduto per il 26/27 Dicembre poche possibilità di vedere un paesaggio bianco. Discorso diverso per tutti i nostri appennini che vedranno un buon quantitativo di neve al di sopra degli 800/1000 metri con diversi centimetri accumulati al suolo. Le località appennine del comprensorio vedranno sicuramente nevicate in questi 2 giorni con possibili leggeri accumuli al suolo.

MEDIO TERMINE

Nel corso della settimana/fine settimana, avremo un rialzo termico abbastanza cospicuo per il periodo. Rialzo termico che non significa caldo ma temperature più tardo autunnali che invernali con quota neve che balzerà intorno ai 1600/1800 metri. Resteremo in un regime ciclonico, avremo quindi molto probabilmente giornate grigie e piovose con pochi o nulli sprazzi di sole. Piogge che nel fine settimana potrebbero risultare anche abbondanti e persistenti.

LUNGO TERMINE

A fine anno c’ è stato un  poderoso riscaldamento stratosferico in sede polare. Tale riscaldamento si propagherà in troposfera nelle prossime settimane causando molto probabilmente una dislocazione del vortice polare a latitudini più basse. Il tutto potrebbe favorire discese fredde da est, che con moto retrogrado potrebbero colpire tutto il comparto Europeo compresa la nostra penisola. Terrei d’ occhio quindi il target temporale 15/30 gennaio per un possibile episodio freddo di buona entità e portata che potrebbe portare freddo reiterato per più giorni.

Ricapitolando, freddo vero ancora rimandato, possibilità di vedere fiocchi nei prossimi due giorni. Rialzo termico nel week-end con nuove piogge in arrivo.

Un saluto a tutti

Ric Meteo Gubbio


VELOCE PERTURBAZIONE FREDDA!! FIOCCHI FRA LA NOTTE DEL 25 E LA MATTINA DEL 26!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori. 

In questi giorni così “disgraziati” per tutti, ho sperato fino all’ ultimo di vedere una nevicata anche se coreografica il giorno di Natale.  La Neve il giorno di Natale per i nostri territori è un evento abbastanza inusuale e sporadico. E’ precisamente dal 1987 che non nevica in questa giornata. In quell’ anno iniziò a nevicare proprio verso la mezzanotte del 24 per poi continuare fino alla mattina del 25. Il risveglio fu quello che tutti i bambini, e anche i grandi hanno nel loro immaginario, e cioè quello di un bianco Natale.  La perturbazione in entrata da nord-est  con aria fredda di origine artica che ci apprestiamo a ricevere sul nostro stivale, sarà molto veloce e produrrà pochi effetti sui nostri territori anche se sarà capace di farci “piombare” in pieno inverno nel giro di 24h. Il tutto durerà un paio di giorni ma la stessa avrà il merito di scalzare l’ alta pressione presente ora sul bacino del mediterraneo. Come anticipato alcuni giorni fa, non tutta la nostra regione avrà le stesse conseguenze da questa piccola irruzione fredda, visto che soprattutto il lato ovest e sud della nostra regione vedranno poche o nulle precipitazioni. 

Entrerò ora nel dettaglio previsionale cercando di interpretare al meglio le carte, le tempistiche e le previsioni per le giornate Natalizie. Già vi avverto però che in questi casi anche a 24h previsionali, potrebbero esserci delle variabili che al momento non possiamo conoscere. Anticipo questo per non creare false illusioni o allarmismi su una situazione più che normale per il periodo e che non ha niente a che vedere con alcune poderose discese fredde avute in passato.

BREVE TERMINE : I prossimi giorni saranno ancora abbastanza tiepidi e senza grandi sussulti. Avremo per le prossime 3/4 giornate ancora temperature sopra la media del periodo e precipitazioni nulle. I prossimi giorni, vedranno però una nuvolosità più estesa di quelli avuti fino ad ora, con nuvolosità più compatta soprattutto nelle ore centrali delle giornate. Avremo una marcata escursione termica notturna con mattinate fresche/fredde. Tutto questo fino almeno alla giornata del 24, vigilia di Natale.

NATALE E SANTO STEFANO

Queste due giornate saranno quelle cruciali per l’ entrata del freddo sopra i nostri territori. La perturbazione arriverà infatti sul centro Italia proprio nella serata del 25.  Ora posto le carte del 26 alle 7.00 di mattino,  poi cercherò di spiegarvi cosa penso e cosa potrebbe accadere:

L’aria che arriverà, non sarà particolarmente fredda ma sufficiente a  far si che qualsiasi precipitazione avvenga nel lasso di tempo che specificherò sarà a carattere nevoso a partire dai 400m. Se tutto sarà confermato avremo un -4/-5 a 850hpa con un -30/-31 in quota. La temperatura in quota sarà importantissima, dato che sarà quella che attiverà il fenomeno dello Stau appenninico che dovrebbe darci precipitazioni. 

La giornata del 25 sarà abbastanza nuvolosa e umida ma ancora relativamente calda. Dal pomeriggio/sera inizierà il calo delle temperature che diventeranno sempre più fredde. Avremo una rotazione dei venti che proverranno dai quadranti nord orientali e inizialmente saranno abbastanza sostenuti. Dalla tarda serata, ma più probabilmente dalle prime ore della nottata, l’ aria fredda avrà raggiunto tutti i nostri territori ed inizierà a “scivolare” verso sud-est. Entro le prime ore della nottata dovremmo avere le prime precipitazioni che saranno intermittenti e a carattere nevoso.  Precipitazioni che dovrebbero insistere fino alla mattinata del 26 Dicembre, per poi assistere ad un rapido miglioramento a partire da metà giornata, anche se la stessa sarà comunque davvero fredda con temperature massime che difficilmente supereranno i 3/4 gradi. Per quanto riguarda la neve, come già più volte ho cercato di spiegare, sarà esclusivamente derivante dal fenomeno dello Stau appenninico, il che significa che più si è a ridosso della dorsale e maggiore sarà il coinvolgimento precipitativo. Tutte le zone appenniniche limitrofe ai nostri territori vedranno neve, molto probabilmente anche con accumulo. Posti come Scheggia, Fossato di Vico, Sigillo e Costacciaro, dovrebbero svegliarsi con un paesaggio bianco la mattina del 26. Per quanto riguarda la nostra città, essendo più distanti dalla dorsale anche se di pochi chilometri, mi aspetto nevicate intermittenti nella nottata del 25 con possibile, ma non probabilissimo, velo a terra la mattina del 26. Il fenomeno dello Stau, viene molte volte sottovalutato anche dai modelli previsionali, quindi anche se per il momento le precipitazioni per la nostra città sono abbastanza esigue credo che potrebbero starci delle sorprese. Discorso diverso per tutte quelle località regionali ad ovest del Tevere e del sud regionale che avranno venti freddi di tramontana ma pochissime o nulle possibilità di precipitazioni. Qualche sporadica fioccata potrebbe essere possibile sul Perugino. Detto tutto ciò non aspettatevi il nevone o accumuli che creeranno problemi perché non ci saranno.

LUNGO TERMINE

La perturbazione in entrata nei prossimi giorni spezzerà il dominio dell’ alta pressione creando le basi per nuovi affondi freddi che potrebbero concretizzarsi anche prima della fine dell’ anno o  più probabilmente entro i primi giorni del 2021.

Un saluto a tutti  e Buon Natale!!

Ric Meteo Gubbio

PS: Fornirò aggiornamenti in caso di stravolgimenti o novità rilevanti su quanto scritto.

 

 

 


ACQUA A CATINELLE!! NEVE SOPRA I 1200/1300 METRI!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori.

Un perturbazione fredda, proveniente da nord est, si congiungerà ben presto ad una perturbazione nord atlantica proveniente da nord ovest. Tale situazione produrrà dapprima un abbassamento delle temperature e nevicate in appennino a quote superiori ai 1200 metri, subito dopo tanta pioggia e umidità con temperature che risaliranno in fretta,  e si porteranno in media del periodo o qualche grado al di sotto. Tanta acqua ci aspetta quindi per i prossimi giorni, mentre avremo abbondanti nevicate su tutto l’ arco alpino, e sulle regioni del nord- ovest fino a quote di bassa collina. Appuntamento con il freddo vero, rimandato per quanto riguarda i nostri territori, in un contesto comunque fresco e perturbato. 

Entriamo ora nel dettaglio per quanto riguarda i nostri territori:

BREVE TERMINE

Dalla giornata di domani avremo un aumento della nuvolosità con le prime precipitazioni che dovrebbero interessarci a partire dalle ore centrali della giornata. Avremo in serata un calo marcato delle temperature che produrranno nevicate in appennino a quote comprese fra i 1200/1400 metri. “Gragnola” o acqua mista a neve anche al di sotto di tale quota ma non sotto i 900 metri. Precipitazioni abbastanza insistenti e cospicue anche per la giornata di mercoledì con poche pause precipitative e probabili eventi temporaleschi. Giornata di Giovedì che vedrà ancora precipitazioni intermittenti nella sua prima parte, con cessazione dei fenomeni a partire da metà giornata.

MEDIO TERMINE

Tempo perturbato e pioggia, che dovrebbero continuare a fasi alterne fino alla fine della settimana, con il prossimo fine settimana, che viene visto al momento fresco e perturbato.

LUNGO TERMINE

Primi 15 giorni di Dicembre freschi e perturbati con possibilità di un evento freddo per i  nostri territori entro la data citata.

Un saluto a tutti.

Ric Meteo Gubbio


ITALIA NEL LIMBO!! FREDDO AD EST ALTA PRESSIONE A OVEST!!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori.

Una vasta depressione arriverà da est in questi giorni, ma scivolerà verso i balcani, sfiorando solamente le regioni del nord est Italiano. L’ alta pressione, rimarrà relegata in atlantico e la nostra penisola si troverà in una sorta di “limbo” meteorologico, che produrrà un calo delle temperature ma poco altro. Giornate per lo più nuvolose quelle che ci aspettano, poco sole, qualche piovasco e mattinate e nottate fresco/fredde. Un clima prettamente tardo autunnale,  “stitico” dal punto di vista delle precipitazioni.

Entriamo ora nel dettaglio dei prossimi giorni per quanto riguarda la nostra regione/città:

BREVE TERMINE

Giornate abbastanza soleggiate, quella odierna e quella di domani Venerdì 27, con nebbie mattutine, e “guazza” di primo mattino. La giornata di Sabato risulterà per lo più nuvolosa. Nuvolosità abbastanza compatta, ma che non dovrebbe produrre precipitazioni. Temperature minime di qualche grado sopra lo zero, massime in calo che si attesteranno fra i 10/12 gradi. Giornata di Domenica nuvolosa, con piovaschi abbastanza estesi ma intermittenti per tutta la sua prima parte. Nella seconda parte della giornata, cieli ancora nuvolosi ma con basso rischio di precipitazioni. Temperature stazionarie in media del periodo. Nebbie di primo mattino in tutte le pianure e vallate della regione. Clima umido e fresco.

MEDIO TERMINE

Prima parte della settimana, fresca ma asciutta, con cieli prevalentemente nuvolosi o parzialmente nuvolosi, ma senza rischio di precipitazioni di rilievo. Temperature fresche ma non fredde. Seconda parte della settimana, che vedrà molto probabilmente una perturbazione nord atlantica spostarsi dalla penisola Iberica verso i nostri territori, con conseguente peggioramento del tempo e nevicate sull’ arco alpino a quote di media montagna. 

LUNGO TERMINE

Probabile affondo freddo verso la nostra penisola entro la prima decade di Dicembre. Naturalmente, data la distanza temporale, ancora tutti da valutare gli eventuali effetti per la nostra penisola e soprattutto per i nostri territori.

Ricapitolando: giornate abbastanza grigie quelle che ci aspettano, con qualche pioggia nella giornata di Domenica. Fresco ma non freddo. 

Un saluto a tutti,

Ric Meteo Gubbio


FREDDO IN ARRIVO PER 2 GIORNI!! POI NUOVA ZONALITA’ E TEMPERATURE IN MEDIA!!

Category : Previsioni

Ben ritrovati a tutti gli amici e lettori.

Una perturbazione nord orientale a carattere freddo, sferzerà l’ Italia per due/tre giorni. La stessa perturbazione, sarà però “ricacciata” in breve tempo verso est dall’ anticiclone che da ovest spingerà verso i nostri territori. Una passata fredda, che sarà quindi di breve durata, e porterà neve a quote medie solamente in appennino e nelle regioni centro/meridionali adriatiche (Abruzzo, Molise). Neve che farà capolino anche sul nostro appennino a quote intoro ai 900/1000 metri, soprattutto nel sud regionale in special modo sulla catena dei monti sibillini. Qualche sfiocchettata coreografica potrebbe verificarsi anche più a nord ma niente di che. Questa situazione porterà temperature rigide che come anticipato saranno però di breve durata.

Entriamo ora nel dettaglio per quanto riguarda i nostri territori e la nostra regione.

BREVE TERMINE

Giornata odierna e quella di domani, che saranno abbastanza soleggiate con temperature ancora in media del periodo, qualche nuvola di passaggio poco consistente nel corso delle giornate. Escursione termica elevata fra le ore diurne e quelle notturne. La giornata di Venerdì vedrà un calo consistente delle temperature con le massime che non supereranno i 4/6 gradi. Avremo aria fredda in arrivo, che come anticipato, produrrà sporadiche precipitazioni nevose a quote comprese fra i 900/1100 metri. Per quanto riguarda i nostri territori, avremo piovaschi intermittenti soprattutto nelle ore centrali della giornata e nel pomeriggio. In serata avremo un miglioramento del tempo che vedrà però temperature fresco/fredde per il periodo. Giornata di Sabato, che non vedrà precipitazioni, ma che avrà temperature ancora fredde e che si presenterà con cieli parzialmente nuvolosi e ventilazione abbastanza sostenuta, che acuirà la sensazione di freddo. Domenica avremo cieli parzialmente nuvolosi per tutto l’ arco della giornata e un aumento delle temperature massime che si riporteranno in media del periodo attestandosi intorno ai 12/14 gradi.

MEDIO TERMINE

Prossima settimana che al momento, viene vista stabile per quasi tutta la sua interezza per l’ espandersi dell’ alta pressione sul nostro stivale. Elevata escursione termica fra le ore diurne e quelle notturne ma nessuna perturbazione organizzata in arrivo. Giornate per lo più soleggiate che si alterneranno a momenti più nuvolosi ma senza rischio di precipitazioni se non locali piovaschi in appennino.

LUGO TERMINE

Poche possibilità di nuove perturbazioni a carattere freddo per tutto il mese di novembre, se non piccoli cavi d’ onda, che andranno a interessare solamente i territori alpini e del nord Italia.  

Ricapitolando, avremo 48/72 h di inverno per poi tornare ad un clima tardo autunnale e non troppo freddo.

Un saluto a tutti e buon proseguo di settimana,

Ric Meteo Gubbio